Vai al contenuto

Regole chiare contro divieti ideologici, EmaF lancia il manifesto in difesa degli “animali esotici, ma familiari” e sfida gli animalisti al confronto.

Dopo le numerose notizie imprecise e distorte che sono state diffuse anche in questi ultimi giorni sulle regole che riguardano il settore degli animali esotici, l’Associazione “Esotici, ma Familiari” ha deciso di lanciare due iniziative per garantire un’informazione corretta e completa e per sensibilizzare anche la politica verso un settore che coinvolge milioni di famiglie italiane, migliaia di aziende e decine di migliaia di addetti e che rischia di subire conseguenze pesantissime, soltanto per seguire richieste ideologiche che nulla hanno a che fare con la scienza, la tutela della salute ed il benessere animale.


La prima iniziativa è quella di invitare tutti i candidati alle prossime elezioni politiche a firmare il manifesto dell’associazione che spiega come funziona realmente il mondo degli animali esotici, dà informazioni scientifiche sul perché l’applicazione di divieti drastici è illogica e dannosa, oltre che in contrasto con le normative europee.
Ai candidati verrà chiesto di eliminare il divieto lasciando in vigore la lista prevista dal regolamento Europeo.


La seconda iniziativa è quella di organizzare un confronto, sul piano politico e associativo, tra EmaF e LAV e tra il senatore Luca Briziarelli, che si è schierato apertamente contro i divieti e a difesa del settore, e la senatrice Loredana De Petris, prima firmataria dell’emendamento che ha proposto l’introduzione dei divieti.


L’obiettivo è quello di riportare il dibattito in un terreno in cui a contare siano i fatti e non le posizioni preconcette.