Vai al contenuto

Un altro passo avanti contro il divieto per gli animali esotici

Vittoria!✌️

Nelle commissioni Ambiente e Sanità del Senato è stato appena approvato il parere sullo schema di decreto legislativo relativo agli animali esotici e selvatici.

Anche grazie all’impegno di EmaF abbiamo scongiurato che fossero accolte le proposte di introduzione di ulteriori divieti ideologici, privi di qualsiasi validità scientifica, che erano state avanzate da alcuni partiti ed associazioni.

Abbiamo anche ottenuto fondamentali miglioramenti al testo presentato dal Governo come l’eliminazione del riferimento a criteri “sociali” nella definizione di eventuali liste previste dall’articolo 5, un riferimento che, come sottolineato nel corso delle audizioni anche dai componenti del nostro Comitato Tecnico, Lorenzo Crosta e Stefano Cusaro, non hanno alcuna base scientifica e avrebbero comportato un rischio assoluto di soggettività ed arbitrarietà nelle scelte.

Il parere delle due commissioni recepisce anche le questioni sollevate dall’avvocato D’Alba, legale di FOI e membro del nostro comitato legislativo, relative rispettivamente al rischio per l’Italia di incorrere in infrazioni a livello europeo, se dovesse introdurre una lista più restrittiva a livello nazionale rispetto a quella prevista dall’allegato 1 del regolamento 429/2016, per le limitazioni alla positività di movimento degli animali all’interno della Comunità europea e per la drastica penalizzazione per le imprese italiane ed europee di operare nel nostro settore.

È state inserito nel parere anche il tema segnalato dalla Dott.ssa Antonella Baggini nella sua audizione e relativo agli aspetti economici e, in particolare, al danno che patirebbero le aziende, i professionisti e gli allevatori amatoriali in termini economici ed occupazionali a causa di eventuali divieti ed il conseguente danno per lo Stato.

Le osservazioni avanzate dall’avvocato D’alba e dalla Dottoressa Baggini sono state presentate ufficialmente dal Senatore Luca Briziarelli alla Commisione Politiche Europee e alla Commisione Bilancio che le hanno accolte all’unanimità.

Continueremo a vigilare per portare avanti le nostre ragioni e proteggere i nostri amici animali, i tanti appassionati e imprenditori, allevatori e aziende che lavorano con passione in questo comparto.

I nostri animali da compagnia, fanno parte della nostra vita e non si toccano!